Caffè verde, l’integratore che smaltisce gli zuccheri - Coffeaitalia

Caffè verde, l’integratore che smaltisce gli zuccheri

app coffeaitalia

La caffeina del caffè verde ha quindi un effetto anti-torpore decisamente più potente rispetto a quella che troviamo nel caffè nero tostato. I suoi benefici vanno però oltre! Agendo direttamente sulle mucose intestinali, è infatti in grado di tenere sotto controllo l’assorbimento dei carboidrati.

 

Il risultato? Una diminuzione degli episodi di picco glicemico e, di conseguenza, un’efficace prevenzione della formazione del grasso addominale e dell’insorgenza del diabete. Questo beneficio è legato sempre alla presenza di acido clorogenico, che agisce inibendo a livello epatico la formazione di glucosio a partire dal glicogeno.

Da non dimenticare è poi il fatto che la caffeina ha di base un buon effetto lipolitico. Risulta infatti in grado di innescare i processi di scissione e smaltimento delle riserve di grasso del corpo umano. Degno di citazione è pure il minor livello di acidità (a crudo, il caffè verde ha un pH pari a 5 e quello nero a 3/3,5), con ovvi vantaggi per l’integrità della mucosa gastrica.

Ottimo anche come anti-ipertensivo e contro la stitichezza come rimedio detox per l’organismo, il caffè verde è disponibile sotto forma di tisane e di integratori in capsule – prima di iniziare ad assumerli è fondamentale chiedere il parere del proprio medico di fiducia – e andrebbe evitato nel periodo della gravidanza e dell’allattamento.

Quando si inizia a prenderlo, è molto importante non eccedere con le dosi e, se possibile, non associare l’assunzione di altri prodotti caratterizzati dalla presenza di caffeina.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *